1 Comment

  1. Andread

    Ottima iniziativa e visto che parliamo di rifiuti, aggiungo un’altra chicca.
    Anche al Comune di Lucca, ovviamente on il QI che si possono permettere, sono arrivati a scoprire la tecnologia RFID applicata alla raccolta rifiuti ed hanno predisposto un coloratissimo volantino che non spiega un bel niente.
    Dopo averlo letto resto con queste perplessità :
    1) Il volantino si limita a dire che i virtuosi che conferiranno meno rifiuti indifferenziati saranno premiati. Come ?
    Con una lettera di congratulazioni di Tambellini, con un buono sconto dalla Veneta, con un aumento inferiore a quello che propineranno a tutti nel 2016?
    Intanto bisogna scomodarsi ad andare a prendere il nuovo mastello a partire dal 15/9.
    Notare che il ritiro invece partirà dal 10/9. Non poteva lo stesso che li ritira effettuare anche la consegna ?

    2) Il tag RFID viene messo sul mastello. Bene, e se io oltre il mastello devo buttare altri due sacchetti come funziona ? L’operatore calcola solo un mastello ? Mette e svuota un sacchetto alla volta ? Non e’ chiaro neanche questo,
    A Capannori il tag RFID e’ sui sacchetti e non sul mastello e quindi conta i sacchetti, mi pare chiaro, qui al solito , cosa contano ?

    3) Ma sarà allora un sistema legale ? Se il tag RFID e’ sul sacchetto questo puo’ essere usato solo una volta, se invece e’ sul mastello teoricamente , l’utente univocamente identificato dal suo codice, e’ alla merce’ dell’operatore che puo’ passare quante volte vuole e quindi addebbitare a piacere . ( vatteli a far restituire i soldi poi !).
    Chiedono di lasciare fuori la porta un oggetto associato ad unapersona sul quale possono fare addebiti a piacere con un sistema di misura che non e’ omologato da nessuno. ( per la cronaca i contatori del gas e dell’enel sono omologati).
    Hanno previsto, tipo telepass, l’invio di un report o la possibilità di consultare on line quello che viene registrato ogni giorno ? Ovviamente non e’ dato sapere nemmeno questo.

Lascia un commento